FANDOM


“Lo stratega che è in me ammira la loro brutalità. Il Turian che è in me sa che ho di fronte la distruzione di 15.000 anni di civiltà. La mia civiltà.”

Adrien Victus è un generale turian che ha combattuto nella Guerra del Primo Contatto. Durante l'invasione dei Razziatori nel 2186, viene schierato per guidare la difesa di Menae, una delle lune di Palaven.

Background Modifica

Adrien Victus ha prestato servizio tra le forze armate turian per la maggior parte della sua vita, ed è noto per essere un leader eccezionalmente forte e molto popolare tra i suoi uomini. Nonostante il suo stato di servizio e l'ammirazione da parte di coloro che conduce il resto dell'esercito turian contesta l'etica delle sue tattiche, che sono note per essere sia ingegnose che poco ortodosse. Durante la guerra su Taetrus nel 2185, Victus fece ritirare le sue truppe per permettere ad un anello di spie salarian e dei separatisti turian di affrontarsi tra loro prima di attaccare, ottenendo una vittoria finale senza alcuna perdita.

Ha un figlio, il Tenente Tarquin Victus, a cui è stato dato il comando del Nono Plotone turian.


Mass Effect 3 Modifica

Nel 2186, Victus sta prestando servizio su Menae, dove sta tentando di tenere a bada le forze dei Razziatori. Ad un certo punto durante la battaglia, il leader della Gerarchia Turian, il Primarca Fedorian, rimane ucciso quando la sua navetta viene abbattuta, facendo conseguentemente diventare Victus il nuovo Primarca di Palaven come definito dalle regole di successione della Gerarchia. Avendo perso il contatto con la base turian su Menae, Victus non è al corrente del suo nuovo ruolo.

Indirizzato alla posizione di Victus dal Generale Corinthus, il Comandante Shepard cerca di recuperare il nuovo Primarca per rappresentare i turian al consiglio di guerra. Victus è inizialmente molto riluttante a lasciare la difesa del suo pianeta natale, affermando di non essere un politico e di preferire morire al fianco dei suoi uomini in battaglia. Infine viene persuaso ad andare con Shepard dopo aver compreso che il suo rifiuto di servire come diplomatico potrebbe mettere a repentaglio non solo il destino di Palaven, ma anche il resto della galassia.

Come nuovo Primarca, Victus prende parte al consiglio di guerra con gli umani, i salarian ed i krogan. Accetta di aiutare la Terra, ma solo dopo che Shepard abbia garantito il supporto dei krogan per far risollevare Palaven.

Dopo il summit iniziale, è possibile parlare con Victus, il quale sembra cautamente ottimista riguardo al curare la genofagia e la costruzione di un'alleanza turian-krogan. Paragona la situazione all'attuale conversazione con il Comandante. Turian ed umani, entrambi un tempo nemici, ma ora alleati, che partecipano ad un incontro diplomatico a bordo della Normandy SR-2, una nave sviluppata in uno sforzo congiunto tra le due specie; anche se è leggermente d'accordo con le preoccupazioni della Dalatrass Linron riguardo l'espansione krogan se la genofagia dovesse essere curata, affermando che preferisce avere un alleato grato che un nemico risentito. Esprime anche la sua paura di diventare l'ultimo Primarca di Palaven.

Dopo aver messo al sicuro la femmina krogan dalla base SOS su Sur'Kesh, Victus richiede a Shepard di fornire assistenza nell'operazione di recupero di una squadra turian segreta la cui nave si è schiantata su Tuchanka. Tuttavia, tiene la bocca cucita sulla natura della missione turian, affermando che le informazioni sono riservate e che è una questione di importanza galattica. Rivela non più del fatto che suo figlio, il Tenente Tarquin Victus, è il comandante della squadra. Shepard può scegliere di iniziare l'operazione di recupero. Anche dopo che Shepard scopre che la squadra è stata inviata a disinnescare una bomba piazzata strategicamente nella Valle di Kelphic per causare gravi danni alla popolazione krogan, Victus si rifiuta di fornire ulteriori informazioni. Si scopre che la bomba era risalente alla Rivolta dei Krogan, posta lì al fine di sopprimere ogni altro ulteriore tentativo dei krogan di riprendere la guerra e tenendola nascosta da loro, a questo punto Victus parla più apertamente, anche se con riluttanza. Più tardi, Tarquin si sacrifica per assicurarsi che la bomba sia disinnescata. Victus paga un prezzo alto per capire che i segreti ammazzano le persone. Anche se piange la morte del figlio è anche orgoglioso di lui. Afferma che il sacrificio di suo figlio verrà registrato negli annali del Nono Plotone, cosa di cui ogni padre andrebbe fiero.

Dopo che la genofagia è stata curata, incarica Garrus Vakarian di coordinare tutti gli sforzi turian nella costruzione del Crucibolo. Promette al Comandante di fornire aiuto alla Terra quando verrà il momento.

Dopo l'attacco di Cerberus sulla Cittadella, Victus invia un'e-mail al Comandante chiedendogli di esaminare le attività di Din Korlack, un ambasciatore volus sospettato di aver collaborato con Cerberus. Shepard può scegliere di indagare.

Come con gli altri personaggi sopravvissuti, si può parlare con lui prima dell'assalto finale sulla Terra, dove nota che gli umani erano lì per Palaven nel momento del bisogno, e con orgoglio, allo stesso modo i turian ci saranno per gli umani.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.