FANDOM


Disambiguous Questo articolo riguarda i Corrotti in generale. Per il nemico in Mass Effect 3: Omega, guarda Corrotto (nemico).
Invasion Adjutant
I Corrotti sono creature ostili simili a mutanti provenienti da una regione oltre il Portale di Omega 4.


Mass Effect: Invasion Modifica

Nel 2186, una nave da trasporto di Cerberus, di ritorno da un viaggio presso una delle basi di ricerca dell'organizzazione oltre il portale di Omega 4, attracca Omega e rilascia dozzine di Corrotti sulla stazione. Le creature iniziano ad attaccare tutto quello che vedono, e avanzano fino alle porte dell'Afterlife, il trono da cui Aria T'Loak comanda Omega.

Si scopre poi che Cerberus aveva una colonia di Corrotti nella base di ricerca alla Stazione Avernus, ma, in qualche modo, si sono liberati e si sono impossessati delle navi da trasporto della base per fuggire. Nonostante la prima ondata di attaccanti sia stata fermata, altre navi arrivano dal portale di Omega 4, imparando a prendere il controllo delle navi da guerra meglio armate di Cerberus. Aria e il generale di Cerberus Oleg Petrovsky arrivano infine alla Stazione Avernus e contengono i Corrotti, ma il danno è fatto; la fuga dei Corrotti è stata orchestrata dall'Uomo Misterioso per distrarre Aria e permettere a Cerberus di conquistare Omega.

Adjutant transformation
Sembra che i Corrotti abbiano l'abilità di "infettare" altri esseri con la loro tecnologia creata dai Razziatori, come si vede quando un salarian che era stato attaccato da una delle creature si trasforma rapidamente in un nuovo Corrotto. Tuttavia, quando un Corrotto si trasforma per la prima volta, è molto più debole e gli serve più tempo per riscrivere il codice genetico del suo nuovo corpo. Questo è il momento ideale per eliminare il trasformato. L'unico modo per impedire che la trasformazione avvenga sembra essere uccidere gli "infetti" o decapitare un cadavere infetto. L'obiettivo principale dei Corrotti è trasformare altre forme di vita, e per tale scopo cercheranno di non ucciderne altri, in quanto i cadaveri sono inutili per loro.


Mass Effect 3 Modifica

Omega - adjutant ownage
Cerberus perse il controllo dei Corrotti poco dopo la caduta di Omega. I Corrotti scorrazzarono presto liberamente per la stazione, e sterminarono la maggior parte delle forze mercenarie rimaste di Omega. Erano sul punto di distruggere la popolazione residua della stazione, prima che Cerberus trovasse un modo di contenerli. Il Comandante Shepard, Aria T'Loak, e Nyreen Kandros incontrano alcuni di questi Corrotti ribelli in una struttura mineraria sigillata durante la campagna di Aria per strappare Omega a Cerberus.

Durante l'assalto finale all'Afterlife, il centro di comando di Cerberus, si scopre che Cerberus aveva sviluppato i Corrotti basandosi su un virus sviluppato dai Razziatori. Si ritiene che il virus sia stato creato diversi cicli prima e che contenga tracce genetiche dei suoi ospiti originali, perché la forma base di un Corrotto non corrisponde a nessuna specie conosciuta. Cerberus aveva pianificato di impiantare dei dispositivi di controllo nei cittadini di Omega, quindi infettarli con il virus dei Corrotti per creare un esercito di Corrotti obbedienti. Quando Aria e Shepard mettono Oleg Petrovsky all'angolo nell'Afterlife, scatena i Corrotti perfezionati e un'ultima ondata di truppe di Cerberus in un ultimo tentativo di fermarli. Tuttavia, Aria e Shepard prevalgono e sconfiggono i Corrotti.

Curiosità Modifica

  • I Corrotti dovevano essere inizialmente un'unità nemica in Mass Effect 3. Chiamati anche "Pariah" durante lo sviluppo, i Corrotti sono stati eliminati dalla versione finale del gioco per via della loro abilità di teletrasportarsi sul campo di battaglia, "dimostratasi troppo eccessiva anche per la fisica relativamente generosa dell'universo di Mass Effect."[1] Tuttavia, le creature sonos tate aggiunte come nemici in Mass Effect 3: Omega, sebbene senza i poteri del teletrasporto.

Riferimenti Modifica

  1. The Art of the Mass Effect Universe
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.