FANDOM


Relay Monument ME1
Il Monumento ai Portali, è una rappresentazione in scala di un portale galattico, è una statua che si trova nel Presidium della Cittadella. Si ritiene essere parte dell'arte Prothean, e si trovava al suo posto da prima che le asari arrivassero sulla stazione.

Secondo Avina, il Monumento ai Portali è un argomento di discussione in ambito accademico e scolastico. Ci sono due teorie dietro il suo significato. Il Monumento potrebbe essere stato un gesto di vanità dei Prothean, celebrando la loro conquista della galassia grazie alla loro maestria nella tecnologia dei campi di forza. Oppure, il Monumento potrebbe essere un simbolo di unità, nella speranza che i portali galattici avrebbero guidato le altre specie alla Cittadella e le avrebbe unite.

Se vi si parla vicino, tutta la squadra del Comandante Shepard ha la propria opinione sul Monumento.


Relay monument - active
Di fatto, il Monumento non è una statua, ma un vero e proprio portale galattico in scala che è attualmente inattivo. Il portale a cui è collegato, noto come "Condotto", si trova su Ilos. Insieme creano un "passaggio" sulla Cittadella, che gli scienziati Prothean sopravvissuti all'annientamento della loro specie utilizzarono per aggirare il segnale che i Razziatori usano per controllare la Cittadella, nella limitata speranza che ciò avrebbe portato il ciclo di mietiture ad essere spezzato. Saren Arterius intendeva usare il Condotto per bypassare le difese della Cittadella e consegnare il controllo della stazione alla Sovereign. Shepard a bordo del Mako ha usato il Condotto per seguire Saren, ed è spuntato attraverso il Monumento ai Portali nel Presidium, schiacciando diversi geth nell'atterraggio.

Poiché il Condotto si stava già chiudendo quando Shepard è passato attraverso, è probabile che il Monumento ai Portali sia inattivo ancora una volta.


Due anni dopo l'invasione di Saren, il Monumento è ancora nel Presidium ed è indicato come Condotto dal Curatore del Presidium.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.