FANDOM


Via Lattea Ammassi Sistemi Pianeti Lune Asteroidi
Stazioni spaziali Navi spaziali Missioni Incarichi Locations Indice Pianeti


Normandy Render
Per una lista completa delle navi spaziali individuate nell'universo di Mass Effect, guarda Navi Spaziali/Lista.

Le navi spaziali sono veicoli spaziali capaci di viaggiare tra i sistemi stellari utilizzando propulsori e motori iperluce.

Grandi navi militari Modifica

Le navi da guerra più grandi possono essere suddivise in quattro categorie:

Fregate Modifica

Normandy1

Le fregate sono navi di scorta e da ricognizione leggere. Spesso dispongono di ampie reti GUARDIAN per fornire supporto anticaccia alle navi principali e trasportano una squadra di marine per operazioni di sicurezza e missioni a terra. A differenza delle navi più grandi, le fregate possono atterrare sulla superficie dei pianeti.

Il ruolo principale ricoperto dalle fregate è la ricognizione. I sensori, contrariamente alle navi e alle comunicazioni a campi di forza, sono limitati alla velocità della luce. Pertanto un osservatore immobile potrà solo individuare una nave a un anno luce di distanza soltanto quando la sua luce arriverà da lui, un anno più tardi.

Poiché gli assalitori con velocità superiore a quella della luce arrivano sempre prima che i difensori possano individuarli tramite sensori luminosi, questi ultimi vengono sempre colti di sorpresa. Per difendersi, le flotte si circondano di sfere di fregate da ricognizione, che individueranno le navi nemiche e trasmetteranno l'allarme al cuore della flotta.

Grazie ai motori ad alte prestazioni, le fregate possono raggiungere elevate velocità iperluce di navigazione. Inoltre, dispongono di propulsori proporzionalmente grossi e di una struttura leggera, il che conferisce loro una maggiore manovrabilità. In combattimento, la velocità e la manovrabilità rendono le fregate immuni al fuoco a lungo raggio delle navi più grosse.

Nelle battaglie su larga scala, le fregate vengono organizzate in "branchi" da quattro o sei navi. I branchi sfrecciano attraverso le formazioni nemiche, colpendo le navi i cui scudi sono stati danneggiati dai siluri disgregatori dei caccia. I branchi volteggiano intorno ai bersagli vulnerabili, sfruttando velocità e manovrabilità per evitare il fuoco difensivo.

Incrociatori Modifica

Turian cruiser 01

Gli incrociatori sono unità da combattimento di medie dimensioni, più veloci delle corazzate, e pesantemente armate rispetto alle fregate. Gli incrociatori sono le unità di pattugliamento standard e spesso guidano gruppi di fregate. Gli incrociatori non possono atterrare su pianeti a media o ad alta gravità, ma hanno la capacità di atterrare su pianeti a bassa gravità.

Gli incrociatori potrebbero essere considerati la "carne da cannone" della flotta. Le agili fregate da ricognizione non sono abbastanza potenti o resistenti per combattere le battaglie più intense, e le enormi corazzate sono una risorsa strategica che deve essere schierata con estrema cautela e solo in caso di reale necessità.

Gli incrociatori eseguono pattugliamenti autonomi di routine nei sistemi colonizzati e guidano i gruppi di fregate nelle battaglie minori, come nelle operazioni antipirateria. In occasione delle grandi battaglie tra flotte, le formazioni di incrociatori supportano le corazzate proteggendole ai fianchi contro le navi nemiche che cercano di allinearsi per colpirle con i cannoni di fiancata.

Portaerei Modifica

Le portaerei sono navi grandi come le corazzate, ma in grado di trasportare numerosi caccia di complemento. Tutte le specie assegnano alle proprie flotte dei caccia di complemento con piloti organici. Negli incrociatori, queste squadriglie vengono sistemate tra lo scafo interiore pressurizzato e la corazza esterna. Le corazzate, invece, possiedono un ampio ponte di lancio all'interno dello scafo. Sono stati gli umani, che hanno sviluppato solo di recente le tattiche e le tecnologie necessarie per le battaglie spaziali, a costruire delle navi che utilizzano i caccia come armamento principale.

Nelle battaglie tra flotte, le portaerei restano lontane dal vivo dei combattimenti e lanciano caccia armati con siluri disgregatori. In questo senso, i caccia sono la principale arma offensiva della nave. Le portaerei che entrano nel raggio d'azione di un acceleratore di massa nemico hanno ben poche speranze di sopravvivere.

È possibile recuperare e riparare i caccia nel corso della battaglia, anche se dopo il lancio quasi tutte le portaerei chiudono il ponte di volo e cercano di allontanarsi. Il ponte di volo è essenzialmente un corridoio che attraversa la corazza esterna e raggiunge il cuore della nave. Un singolo siluro ben piazzato è sufficiente per distruggere completamente una portaerei.

Corazzate Modifica

DestinyAscensionFlyby

Le corazzate sono navi imponenti con una tremenda potenza di fuoco, impiegate solo nelle missioni più importanti. Il punto di forza delle corazzate risiede nella lunghezza del cannone principale. Possono raggiungere una lunghezza compresa tra 800 e 1.000 metri, con un cannone principale adeguatamente proporzionato. Un acceleratore di massa lungo 800 metri è in grado di accelerare un proiettile di 2 chili a una velocità di 141 km/s. Ogni proiettile ha un'energia cinetica pari a 38 chilotoni, tre volte superiore a quella dell'arma nucleare sganciata sulla città terrestre di Hiroshima.

Il Trattato di Farixen stabilisce la quantità di corazzate che una specie può possedere, con la flotta turian, garante della pace galattica, che è autorizzata ad averne più di tutti. Nel 2183, i turian avevano 37 corazzate, le asari ne avevano 21, i salarian 16 e l'Alleanza ne aveva 6, con una in costruzione. Nel 2185, il totale delle corazzate era di 39 turian, 20 asari, 16 salarian ed 8 umane. Nel 2186, gli umani hanno costruito una nona corazzata ed i volus hanno costruito un'unica corazzata. I geth, non legati dal trattato, possiedono quasi lo stesso numero di corazzate dei turian. In preparazione alla riconquista del loro pianeta natale, i quarian hanno equipaggiato le loro Navi serra con cannoni da corazzata, rendendole di fatto delle navi di classe corazzata. È stato determinato che i batarian possiedono delle corazzate, ma l'esatto numero è sconosciuto.

Le corazzate sono così grandi che è impossibile per loro atterrare in sicurezza su un pianeta e devono scaricare i loro nuclei nel campo magnetico di un pianeta mentre sono in orbita. I ponti delle navi più grandi sono disposti perpendicolarmente all'asse di spinta della nave in modo che la prua della nave contenga i ponti più "alti" e quelli più bassi vengano disposti vicino ai motori.

Piccole navi militari Modifica

Navi di supporto in combattimento Modifica

Alliance Fighter

Le navi più piccole vengono utilizzate quasi esclusivamente come mezzi di supporto per le navi da guerra nel corso delle battaglie:

  • I caccia sono navi monoposto in grado di sferrare attacchi a corto raggio.
  • Gli intercettori sono navi monoposto progettate per distruggere i caccia nemici.

Navette Modifica

ME2 Cerberus Kodiak Shuttle

Le navette agevolano il trasferimento di personale tra le navi di grandi dimensioni senza la necessità di attraccare, oppure il trasferimento tra una nave e il suolo. Alcuni modelli, come la serie UT-47 Kodiak, sono capaci di viaggiare in maniera indipendente a velocità iperluce, e la UT-47A è dotata di cannoni ad accelerazione di massa e sistemi di occultamento sperimentali.

Corvette Modifica

Le corvette sono piccole navi con equipaggio di dieci uomini che vengono utilizzate per missioni di combattimento e perlustrazione.

Caratteristiche delle navi spaziali Modifica

MassEffect 2008-08-13 12-37-22-09

Curiosità Modifica

  • I modelli estratti da Mass Effect 3 e renderizzati con strumenti di terze parti indicano le seguenti lunghezze:
    • Incrociatore dell'Alleanza: 707m
    • Fregata dell'Alleanza (SSV Normandy SR-2): 196m
    • Incrociatore di Cerberus: 700m
    • Incrociatore geth: 700m
    • Corazzata geth: 1190m
    • Incrociatore turian: 500m
    • Incrociatore quarian: 643m

Vedi anche Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.